Evviva, è arrivata la Primavera!

…e come sempre accade, all’inizio di un nuovo “cammino”, siamo pronti ed entusiasti!

« Ogni anno, quando torna la primavera e il calore e la luce aumentano, tutti i semi nascosti nel terreno cominciano a germogliare e a crescere. È il momento di pensare a tutti i semi che sono in noi: anch’essi sono pronti a germogliare e a crescere sotto la luce e il calore del sole, il sole spirituale di cui l’astro che vediamo sorgere ogni mattina all’orizzonte è solo un lontano riflesso. Imparando a concentrarci su quest’ultimo, ci leghiamo al sole spirituale, che vivificherà i semi deposti in noi dal Creatore.
Ogni mattina, presentandoci consapevolmente davanti al sole, diventiamo i coltivatori della nostra stessa terra. I piccoli germogli – le qualità e le virtù del nostro Padre celeste – hanno bisogno di essere innaffiati. Il sole invia la sua luce e il suo calore, ma non può innaffiare le piante. Siamo noi a doverle irrorare con un’acqua che è in noi: il nostro amore e la nostra riconoscenza. Ogni progresso che facciamo in questo lavoro si inscrive in noi, e ne sentiremo i benefici durante tutta la nostra vita e anche oltre, nelle nostre future esistenze. »
(Omraam Mikhaël Aivanhov)

“RIGENERAZIONE” Olive
“Risorgo alla vita del mio nuovo corpo e del mio nuovo spirito.”

Dice Bach: […] Per quelli che hanno molto sofferto fisicamente o moralmente e sono così stanchi, così esauriti, che si sentono incapaci del minimo sforzo.
Per loro la vita quotidiana è un pesante fardello privo di piacere. […]

Spesso dicono: “Sono così stanco che mi metterei a piangere.”

#Rigenerazione
…corrisponde al Fiore di Bach
#Olive

Ulivo
(Olea europea)

…in combinazione con l’olio essenziale
#Tabacco
(Nicotiana tabacum)

…e cristallo pietra
#Quarzo latteo

Perché è stolto chi agisce al di sopra delle sue forze.
(Sofocle)

#Rigenerazione è un’emozione del Movimento Legno, Fegato e Vescicola Biliare i meridiani interessati.

Esecuzione:

  1. Siediti a gambe divaricate per quanto ti è possibile cercando di mantenere diritta la schiena, immaginando di avere un filo che dalla sommità del capo ti solleva verso l’alto.
  2. Ora porta le braccia distese in alto sopra la testa con le mani incrociate e i palmi rivolti verso l’alto.
  3. Quando sei pronto inspira profondamente e lentamente e mentre espiri fletti il busto di lato sulla gamba cercando di mantenere lo sguardo rivolto in avanti; durante l’inspirazione ritorna al centro ed espirando nuovamente flettiti dall’altro lato. Quando inspiri sentirai una linea di tensione all’interno delle cosce e lungo il fianco in estensione, queste linee corrispondono ai meridiani di Fegato e Vescicola Biliare, mentre quando espiri la tensione si allieverà e tu potrai sentire un rilassamento. Ogni volta che scenderai di lato, cercando di allungare la fase di espirazione, lo stretch potrà migliorare. Non utilizzare la forza per allungarti ma lasciati guidare ed accompagnare dalla tua respirazione. Più l’espirazione sarà lunga e profonda, più troverai rilassamento e maggiore fluidità.
  4. Quando hai terminato con il numero di ripetizioni che ti sei prefissato rilassati in posizione supina, con le gambe distese leggermente aperte e con le punte dei piedi in fuori, allarga un pò anche le braccia rilassate lungo il corpo, e ascolta le sensazioni di piacevolezza, formicolii o vibrazioni, che ti manda il tuo corpo. E’ il movimento dell’energia che inizia a scorrere dentro di te dopo aver effettuato l’esercizio.

Questa supina è la posizione che nello Yoga viene definita “del cadavere” perchè ti permette di staccarti completamente dal mondo esterno e potrai sintonizzare così la mente con gli eventi che stanno accadendo in questo momento dentro di te.

#Rigenerazione
…corrisponde al Fiore di Bach
#Olive

Ulivo
(Olea europea)

Non ha bisogno di presentazioni quest’albero caratteristico del Mediterraneo. Fiorisce da aprile a giugno con piccole corolle bianche disposte a grappolo. Capace di resistere a grandi arsure, l’ulivo cresce nelle condizioni più difficili, ma non si limita a sopravvivere: con i suoi frutti, con la sua ombra, fa dono di sè agli esseri umani senza mai esaurirsi, come se possedesse una sua energia magica e segreta.

Questo succede anche alle persone che prendono l’ulivo come rimedio: ritrovano infatti dentro di sè un’energia insospettata.

(Disegno a mano libera di Elena Cuccarolo)

[…] La colomba porta a Noè un ramoscello d’ulivo come segno che il diluvio è finito e la vita sulla terra può tornare alla normalità. Allo stesso modo, l’essenza del fiore dell’ulivo è legata al principio della rigenerazione e del ristabilimento dell’ordine.
Da principio domina la “quiete dopo la tempesta”, quando il corpo, la mente e l’anima sono sfiniti e logorati al termine di una lunga e difficile prova: dopo una grave malattia fisica, dopo anni di alimentazione errata o di mancanza di sonno, ma anche dopo i sacrifici compiuti per curare un familiare malato, dopo anni trascorsi svolgendo un doppio lavoro accanto alla propria attività principale e dopo un processo intenso di evoluzione interiore che ha assorbito molte energie a livello inconscio. 

In ogni caso nello stato #Olive si decide un taglio netto con il passato, si fa per così dire, una dichiarazione legata al consumo energetico: non si vuole dire nè sentire più niente, non si vorrebbe fare altro che dormire e starsene in pace.

#Olive lavora affinchè le persone si rendano conto di poter superare ogni stress con le proprie forze, provando sentimenti positivi. Agli occhi altrui, sembrano dotate di riserve di forza illimitate, mentre in realtà sono capaci di adeguarsi con flessibilità alle varie richieste e situazioni energetiche e si abbandonano del tutto alla propria guida interiore, con la consapevolezza che le forze necessarie affluiranno loro dall’universo, nel momento in cui ne avranno bisogno.

#Olive tonifica il corpo e l’anima. La sua essenza ci permette di gestire le nostre riserve di energia attingendo alle fonti di energia della natura e affidandoci in tutto e per tutto alla propria guida interiore per riuscire a compiere anche imprese molto impegnative. Ci rende tranquilli, forti e rigenerati. […]

…in combinazione con l’olio essenziale
#Tabacco
(Nicotiana tabacum)

Questa essenza viene estratta dalle foglie fermentate della specie #nicotiana tabacum, altrimenti detta anche virgina tabacum e, insieme alla nicotiana rustica, la varietà di tabacco più importante. Originaria della Bolivia e del Perù, la pianta, che raggiunge i 3 metri di altezza e che possiede foglie lanceolate e fiori rosa, viene ora coltivata anche in altri paesi produttori di tabacco.

L’olio essenziale di tabacco ha un intenso colore dorato, è denso ed ha un profumo caldo e balsamico, dolciastro e acerbo vagamente speziato, che ricorda quello del tabacco da pipa. Viene principalmente usato nell’industria per la fabbricazione dei profumi per realizzare profumi e deodoranti da uomo e dopobarba. Esso è completamente sconosciuto all’aromaterapia, tanto che non viene mai menzionato nella relativa documentazione. Tuttavia, esso possiede proprietà terapeutiche straordinarie: aggiunto ad un olio da massaggio (1-2 gocce in 100 ml di sostanza base) stimola localmente la circolazione e scioglie le tensioni muscolari, in particolare della spalla. Messo ad evaporare sulla lampada aromatica, trasmette calore e benessere e conferisce forza senza, tuttavia, incalzare.

Poichè è molto denso e si versa con difficoltà dalla boccetta, l’olio non diluito non si adatta bene a questi scopi. Inoltre è molto concentrato ed emana un profumo forte, cosicchè è comunque meglio diluirlo. E’ sufficiente riempire la boccetta, di solito piena solo per 1/5, con dell’olio di jojoba e scaldare il tutto a bagnomaria fino al momento in cui l’essenza di tabacco non si sia completamente distaccata dal fondo. Per l’evaporazione sulla lampada aromatica sono sufficienti 3-4 gocce, per le frizioni localizzate, invece, occorre versare una goccia di questa diluizione in un cucchiaio da tè di olio base. Per le applicazioni esterne, è necessario che l’olio di tabacco venga sempre dosato con molta attenzione perchè, in caso contrario, potrebbero sopraggiungere gravi disturbi circolatori. Tuttavia, poichè molte sostanze tossiche delle foglie di tabacco si formano solo durante il processo di bruciatura, non esiste il rischio di effetti collaterali dannosi come quelli procurati dal fumo. Infatti, queste sostanze non sono presenti nel tabacco (e quindi nemmeno nell’essenza).

L’olio di tabacco viene preso in considerazione per le persone che versano nello stato #Olive, le quali hanno abusato delle proprie forze e soffrono di terribili stati di spossatezza. Fisicamente e psichicamente a terra, la vita appare loro come un grande peso: già i piccoli eventi della vita quotidiana come il bucato, lavarsi i denti o andare in bagno assumono l’aspetto di un ostacolo insormontabile. Poichè al momento tutto rappresenta una fatica eccessiva, esse chiedono solamente la quiete ed hanno un unico desiderio: dormire il più a lungo possibile. Totalmente prive di energia e di capacità di iniziativa, si tormentano attraverso la giornata; non è possibile riuscire a coinvolgerle in nulla, nè si rallegrano di alcunchè, perchè manca loro la forza anche per questo. Persino i loro passatempi o quelle circostanze che solitamente erano motivo di gioia, perdono la capacità di attrazione. Pertanto, nei momenti di libertà, esse ciondolano inerti, perdendo tempo. Con somma indifferenza guardano trasmissioni televisive che non le interessano minimamente, oppure sfogliano un giornale senza finire di leggere nemmeno un articolo. Durante queste fasi, la vita scorre monotona ed insoddisfacente, assolutamente priva di significato.

Tratto da: Terapie esoteriche di Dietmar Krämer.

…e cristallo pietra
#Quarzo latteo

Il #quarzo latteo è una varietà di quarzo molto diffusa che, a causa dell’inclusione di liquidi, è di colore latteo ed opaco. Esso non viene mai utilizzato per realizzare gioielli e non è tenuto in particolare considerazione dai collezionisti. Le sue proprietà terapeutiche sono quasi sconosciute: sembra essere in relazione con il cervelletto e con il centro del respiro.

Il #quarzo latteo è complementare al fiore di Bach Olive, ed è indicato per gli stati di grave spossatezza, che sappiamo essere il sintomo di questo fiore. Per il trattamento vengono appoggiati sulle zone Olive della spalla (direttamente sul muscolo trapezio), sulla parte superiore dell’arco costale e a destra dell’ombelico grandi pezzi di questo cristallo. Gli stati di tensione delle spalle dovuti ad un sovraccarico cronico, invece, migliorano fissando piccoli pezzi di quarzo con un cerotto sulla zona colpita, dove devono rimanere per la durata di circa mezz’ora.

Tratto da: Terapie esoteriche di Dietmar Krämer.

www.stretchingemozionale.it

#StretchingEmozionale®…La Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima…

#ilmiostretchingemozionale®
#lamiaessenza
#MariaDanielaTrentini
#pellegrinadellanima

[…] Lo Stretching Emozionale® è insegnato personalmente da me, è un mio marchio registrato, che affonda le radici nella “Medicina Tradizionale Cinese”, precisamente nello stretching dei meridiani energetici, tramandato dal Maestro Masunaga.
E’ arricchito dai miei approfondimenti in “Nuove Terapie Esoteriche” di Dietmar Krämer. E’ costituito da tecniche di stretching semplici, che possono essere provate da tutti, senza distinzioni di età o capacità fisica. Si tratta di una scienza completa che attraverso il movimento, il respiro, i mantra, i mudra e la meditazione produce un benessere fisico, psichico ed emozionale.

Lo Stretching Emozionale® è una pratica attraverso la quale ciò che si attiva immediatamente sono le “emozioni” ed in questo meraviglioso stato dell’Essere, per brevissimi momenti, frazioni di secondo, è sfiorata l’Estasi.
Lo Stretching è un elemento che attiva, stimola e muove le forze che alimentano la Vita; va dentro, in profondità, fino a contattare le nostre “Energie Ancestrali”.
Diventa, praticato con costanza e profonda consapevolezza, un riappropriarsi, attraverso il riavvicinamento ai cicli della natura, della centralità di “Sè”…

E’ un valido strumento per valutare autonomamente il proprio stato fisico ed energetico con l’unica avvertenza di rispettare, nell’esecuzione degli esercizi, ognuno il proprio limite, senza mai arrivare ad un limite estremo che può creare dolore, bruciore o tremore. […]

Se ti piace, se vuoi provare, ti aspetto in un luogo magico e protetto…

Contattami:

Maria Daniela 349 4598108

Naturopata ed Operatrice Shiatsu,
diplomata presso la Scuola di Naturopatia dell’Istituto Riza di Milano
Autrice di *Stretching Emozionale*
(Casa Editrice OI Books & Guides)

Maestro Formatore in “Stretching Emozionale®…la Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima…”
Consulente in Floriterapia dei Fiori di Bach secondo le “Nuove Terapie Esoteriche” di Dietmar Krämer.
Operatore Reiki II Livello.

Formatore Sportivo Nazionale AICS di Nordic Walking

daniela.trentini@tiscali.it (e-mail)
www.nordicwalkingtaoverona.it

www.stretchingemozionale.it

Daniela Trentini (Skype)
Maria Daniela Trentini (Verona) (Facebook)
Stretching Emozionale®“…La Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima… (Verona) (Facebook)
*nordic walking tao *… oltre il nordic walking…verso l’infinito… (Verona) (Facebook)

Altre informazioni, notizie ed aggiornamenti li trovi sulla mia guida:

“STRETCHING EMOZIONALE®
“…La Danza delle Emozioni come Qualità dell’Anima…”

Ritrova l’armonia delle tue funzioni vitali, delle Qualità dell’Anima, e aumenta l’energia di corpo e spirito.

Scritto da: Maria Daniela Trentini.

Articolo precedenteLa sesta, ed ultima emozione dell’Inverno, è…*AMORE*!!!
Nata a San Zeno di Montagna (VR) il 10 dicembre 1959 fin da ragazza mi interesso di tutto ciò che ha a che fare con la “Natura” ma senza sapere ancora quale sarebbe stato il mio “cammino”. Dopo aver effettuato gli studi professionali ed aver lavorato per quasi quindici anni in una concessionaria d’auto inizio il mio nuovo percorso di formazione partecipando ai primi corsi sulla conoscenza e l’utilizzo dei Fiori di Bach di Dietmar Kraemer, grande “maestro”, naturopata e sensitivo tedesco.